Cagliari
 

  

|Sardegna | Vademecum del Viaggiatore | Verso Villasimìus |


Cagliari
Cagliari


 ...partendo da Cagliari Le possibilità di raggiungere
   le coste e le spiagge più suggestive...
      

                                    
sono diverse: la spiaggia del Poetto, distante circa 8 km dal centro cittadino, è raggiungibile con i mezzi pubblici, la maggior parte dei quali ha sede nella centralissima Piazza Matteotti, sede anche della Centrale Stazione Ferroviaria. Dalla piazza, partono tutte le linee urbane, compresa  la linea PQ che, percorrendo tutto il golfo,  fa capolinea al confine tra Cagliari e Quartu Sant’Elena. Conosciute da tutti i cagliaritani, sono le cosiddette “fermate”, dalla Prima alla Ottava. Arrivando al Poetto, la vista sarà subito colpita dalla maestosa montagna “Sella del Diavolo” (ci ripromettiamo di darne un’accurata descrizione più avanti).

La Prima Fermata è “dedicata” a tutti gli appassionati del windsurf, vela e canoa
(a proposito, ricordiamo che è possibile iscriversi alle competizioni di “canoa polo”), che potranno accedere all’acqua con le loro tavole, direttamente dal bagnasciuga (cosa a loro vietata se percorrono una centinai di metri in avanti). In direzione del Sella del Diavolo, pressoché sulla stessa linea d’aria, troverete “Marina Piccola”, luogo attrezzato di moli per l’ormeggio ( tra i diversi servizi, menzioniamo la sede dello Yacht Club e altri circoli nautici), in grado di offrire ai suoi “visitatori” infrastrutture e manifestazioni di carattere socio-culturale quali passeggiate suggestive, rappresentazioni folkloristiche e sportive e quant’altro. Il tutto è sempre meglio viverlo la notte…
Proseguendo il nostro tour per le fermate, arriviamo alla Seconda e Terza, sedi dei due stabilimenti balneari: il “D’Aquila” e “Il Lido”. Qui, avrete la possibilità di avere una cabina spogliatoio anche per l’intera giornata o addirittura per l’intera stagione estiva (N.B.: lungo tutta la spiaggia, noterete strutture in legno, passerelle, ombrelloni e natanti per il divertimento estivo, affittabili ad ora e gestiti dal Comune. Le vedette sono “all’americana”, quindi guardia spiaggia che hanno la competenza di mezzi nautici per il soccorso in mare).

Non manca di certo il bar e punti di ristorazione in grado di offrire ai buongustai i piatti tipici e marinareschi. La sera: animazione e discoteca, con musica per tutti i tipi d’orecchie… 

Ad ogni fermata potrete subito notare la presenza di singolari e simpatici chioschi, dove la notte Si riuniscono tantissime persone che, dopo aver assorbito una giornata di intensa calura, vogliono godersi la brezza sorseggiando una bevanda fresca tra amici.

Il chiosco più frequentato dagli omosessuali è il “FICO D’INDIA
(Tel. 070-380936), alla 7^ Fermata, che si trova a ridosso delle palme, a fianco della Torre Spagnola, nei pressi del vecchio Ospedale Marino (costruito nel periodo littorio), situato al centro della spiaggia, tra il bagnasciuga e la strada comunale, è ben visibile anche per la sua singolarità che ricorda un po’ la zona di comando di una nave. Al “Fico” (come lo si chiama comunemente), si incontrano appunto gli omosessuali sardi (nonché quelli provenienti dalla penisola e gli stranieri in vacanza), soprattutto il fine settimana (N.B.: il chiosco è aperto sino alle 3.00 del mattino), che organizzano spettacoli e intrattenimenti: cabaret, gruppi musicali, drag queen e karaoke…

Il golfo deve la sua bellezza soprattutto alla sua grandezza, alla sua ampiezza (un totale di quasi 7 km di spiaggia) e soprattutto alla sabbia che, bianca e cristallina, raggiunge la sua massima distesa con circa 250 metri.

Non dimenticate di fare la bella esperienza di arrivare in spiaggia prima che sia sorto il sole!

Potrete godere della meraviglia dei raggi che, riflettono sul mare i gabbiani ed i fenicotteri rosa che si apprestano a rubacchiare qua e là i vermicelli per volare poi su nel cielo… non di meno, quando è periodo di luna piena! In quelle ore notturne infatti, la luna è un melange perfetto di giallo, rosso ed arancione. Se il mare poi è piatto e calmo (come è solito essere), con una leggere bonaccia, dà vita ad onde lunghe ma non spumeggianti! Quello è davvero il momento di fare un bagno, allorché l’acqua, avendo assorbito il calore dell’intera giornata, ha una temperatura ideale e rilassante per splendide giornate…tutto questo per gli amanti del bagno di mezzanotte!!!


| Verso Villasimìus >>





Print the page Stampa


La Voce del Rispetto
Poetto-Aprile 2003






Poetto - 1980

CASOTTI  E  DUNE! Come eravamo...1980

Casotti imbiancati
la neve del 1982

Casotti innevati-Inverno 1982....










Windsurf

Poetto-maggio 2003





La spiaggia del Poetto

è la più grande ricchezza naturalistica che la città di Cagliari possa vantare. Questo meraviglioso lungomare, che i cagliaritani chiamano familiarmente 'su Poettu', ha una lunghezza di quasi sette chilometri e la spiaggia si estende fino al territorio comunale di Quartu Sant'Elena. Delimitata a ovest dal Capo S.Elia e a est dalla costa di Quartu e Villasimius, offre un panorama suggestivo e incantato.



















































































































 














Fico d'India
Foto alta risoluzione

Il sole appena sorto
L'alba
Giugno 2003


"IL FICO"- e la Torre Spagnola....
 


 


 to top of page


Cynegi Network


 


GayGuy.it  2003-2014 è tutelato dal
copyright Morris©
è vietata la riproduzione totale o parziale di questo sito